Secondo i dati di ShipMatrix, Amazon ha spedito 415 milioni di pacchi a luglio rispetto a una media mensile di 389 milioni tra aprile e giugno. Il gigante dell'e-commerce ha inoltre consegnato il 66% dei propri pacchetti a luglio, rispetto al 61% tra aprile e giugno.

"Amazon è un attore così importante nel settore dell'e-commerce, devono gestire da soli la consegna per gestire la crescente domanda di ordini online, specialmente durante la pandemia", ha affermato Satish Jindel, fondatore di ShipMatrix.

“Continueranno a consegnare più dei propri pacchi, raggiungendo potenzialmente l'80% dei propri pacchi entro il prossimo anno. Significa UPS e [Stati Uniti Postal Service] cercherà più attività per sostituire l'attività di Amazon ", ha affermato.

Nonostante l'aumento del volume di Amazon e i guadagni che ha ottenuto nell'auto-consegna, anche UPS e FedEx hanno visto un aumento del volume a luglio, secondo ShipMatrix.

UPS ha visto il volume crescere del 26% a luglio rispetto a una crescita mensile media del 23% nel periodo da aprile a giugno.

Il volume FedEx è aumentato del 22% rispetto alla crescita del 19%, in media, nei primi tre mesi interi della pandemia di coronavirus.

Secondo una previsione di eMarketer, il terzo trimestre sarà il picco storico per l'e-commerce con circa il 23% di tutti gli acquisti al dettaglio effettuati online.

"L'e-commerce continua a crescere perché le aziende hanno iniziato a tornare e quel volume sta tornando", ha affermato Jindel. “Questo terzo trimestre supererà sicuramente il volume delle festività natalizie del 2019. Tuttavia, i consumatori dovrebbero aspettarsi una prestazione puntuale inferiore. "